Archive for novembre 2006

Elena

Elena ha quasi 50 anni. Ha una vita difficile alle spalle. Non troppo difficile, ma , diciamo, non agevole. Elena ha un marito; o meglio, lo aveva. Adesso lui è in Thailandia. Dicono abbia un’altra famiglia, ma Elena non lo vede più da anni. L’ha lasciata con tre figli. Grandi, adolescenti ma non abbastanza grandi per lavorare e quiendi contribuire al bilancio familiare. Anche perché Elena sogna per loro una posizione nella vita migliore della sua che non ha potuto studiare tanto. Per fortuna Elena è una dipendente comunale. Almeno il lavoro è sicuro.  Per quello che può voler dire al giorno d’oggi sicuro. Elena però, che non ha mai avuto vita facile, nemmeno sul lavoro è facilitata: per arrivare sul luogo di lavoro deve attraversare mezza città; e per arrivare puntuale sul lacoro, visto che fa i turni, deve prendere la macchina. La macchina… Quel catorcione, come la chiamano i figli. Una Uno un po’ vecchiotta.

Dal 6 novembre a Torino non circolano dal lunedì al venerdì dalle 13 alle 19 i veicoli pre “euro 1”. Il testo dell’ordinanza (31 ottobre)

L’ordinanza prevede il divieto di circolazione all’interno dei confini cittadini per i veicoli a benzina con un’omologazione precedente all’Euro 1(ciclomotori e motocicli a due tempi compresi) e per quelli con alimentazione diesel con omologazione precedente all’Euro 2.
Il divieto è in vigore dal lunedì al venerdì dalle 13 alle 19.
La circolazione all’interno della ZTL Ambientale è vietata per le stesse categorie di veicoli dalle 7,30 alle 19 (con un prolungamento di mezz’ora rispetto all’attuale limite delle 18,30).

Ora Elena ha due problemi: evitare di prendere la multa; e comprarsi una macchina nuova. Nuova per modo di dire… con i soldi che non bastano mai è difficile che la macchina possa essere nuova. Il bello è che Elena il suo voto l’ha dato proprio a quelli che adesso le impediscono di andare a lavorare serena.

E non sa cosa pensare…

[VISTA] Windows Internet Computer Name

Troppo costoso l’acquisto di un nome di dominio ? Troppo complessa la gestione ?  Con Windows Vista è possibile sopperire ai servizi che finora erano forniti , gratuitamente per la maggior parte, da compagnie come DynDns. Vista prevede la pubblicazione su Internet del nome della vostra macchina, come se aveste un nome di dominio registrato. Questa feature si chiama Windows Internet Computer Name.

Per attivarla bisogna eseguire questa procedura:

Da prompt dei comandi eseguire

netsh <enter>

p2p<enter>

pnrp<enter>

peer<enter>

set machinename name=”(peername)” publish=start autopublish=”enable” <enter>

 

Naturalmente ci sono due tipologie di nomi: secured ed unsecured. La tipologia unsecured viene definita da Microsoft la meno sicura, ma la più semplice a ricordarsi. Può essere composta p.es. dal vostro indirizzo di posta senza la @ : johndoemicrosoftcom ; e questo sarà il peername da inserire nella procedura sopra descritta.

La tipologia secured, invece, permette la generazione automatica del nome da parte del sistema operativo. Basterà omettere dalla procedura name=”(peername)”  per creare un nome che potrà somigliare a b304d5a80b1ae3a5d2d4eee783e57ed8084f1fcb e che sarà automaticamente convertito in nome DNS come p.b304d5a80b1ae3a5d2d4eee783e57ed8084f1fcb.pnrp.net

Il nome così generato funzionerà virtualmente in tutte le applicazioni che richiedano un nome macchina : da IIS ad un server FTP ad un multiplayer game.

Riferimenti: http://www.microsoft.com/technet/itsolutions/network/p2p/default.mspx

Technorati Tags: , , ,

E ricordate…

…che quando si fanno gli aggiornamenti del firmware delle apparecchiature elettroniche, non bisogna tenere acceso il pc, la lavatrice, il ferro da stiro e quant’altro. Perlomeno, non contemporaneamente. Altrimenti succede che il vostro fantastico lettore DVD, presenti al ritorno della corrente elettrica, una mesta videata blu, invece del logo del produttore 

AIUTOOOOO!!!

Technorati Tags: , ,