Elena

Elena ha quasi 50 anni. Ha una vita difficile alle spalle. Non troppo difficile, ma , diciamo, non agevole. Elena ha un marito; o meglio, lo aveva. Adesso lui è in Thailandia. Dicono abbia un’altra famiglia, ma Elena non lo vede più da anni. L’ha lasciata con tre figli. Grandi, adolescenti ma non abbastanza grandi per lavorare e quiendi contribuire al bilancio familiare. Anche perché Elena sogna per loro una posizione nella vita migliore della sua che non ha potuto studiare tanto. Per fortuna Elena è una dipendente comunale. Almeno il lavoro è sicuro.  Per quello che può voler dire al giorno d’oggi sicuro. Elena però, che non ha mai avuto vita facile, nemmeno sul lavoro è facilitata: per arrivare sul luogo di lavoro deve attraversare mezza città; e per arrivare puntuale sul lacoro, visto che fa i turni, deve prendere la macchina. La macchina… Quel catorcione, come la chiamano i figli. Una Uno un po’ vecchiotta.

Dal 6 novembre a Torino non circolano dal lunedì al venerdì dalle 13 alle 19 i veicoli pre “euro 1”. Il testo dell’ordinanza (31 ottobre)

L’ordinanza prevede il divieto di circolazione all’interno dei confini cittadini per i veicoli a benzina con un’omologazione precedente all’Euro 1(ciclomotori e motocicli a due tempi compresi) e per quelli con alimentazione diesel con omologazione precedente all’Euro 2.
Il divieto è in vigore dal lunedì al venerdì dalle 13 alle 19.
La circolazione all’interno della ZTL Ambientale è vietata per le stesse categorie di veicoli dalle 7,30 alle 19 (con un prolungamento di mezz’ora rispetto all’attuale limite delle 18,30).

Ora Elena ha due problemi: evitare di prendere la multa; e comprarsi una macchina nuova. Nuova per modo di dire… con i soldi che non bastano mai è difficile che la macchina possa essere nuova. Il bello è che Elena il suo voto l’ha dato proprio a quelli che adesso le impediscono di andare a lavorare serena.

E non sa cosa pensare…

Annunci

3 responses to this post.

  1. Sai quanti ce ne sono delusi come Elena. Speriamo che possa trovare una soluzione o qualcuno la trovi per lei.

    Rispondi

  2. Sono daccordo , così non si può certo continuare, la vita sta diventando un incubo reale! Speriamo di svegliarci presto!

    Rispondi

  3. Ad Elena tutta la mia solidarietà.

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: